ADDIO, PRESIDENTE

24 aprile 2013

buontempo

Teodoro Buontempo si è spento questa notte, alle 4,30, dopo aver combattuto con grande coraggio la sua ultima battaglia. Accanto a lui la moglie Marina, i figli Michele, Gianni e Maria.
Il presidente de “La Destra” era stato colpito da una grave malattia e ricoverato presso una clinica romana.

IL RICORDO DI STORACE
“Sapere che Teodoro Buontempo non c’è più è un dolore enorme per ogni uomo di destra e soprattutto per i militanti de La Destra” ha dichiarato il segretario nazionale del partito, Francesco Storace, che ha aggiunto: “La splendida famiglia del nostro presidente e noi tutti perdiamo un esempio, un punto di riferimento per chi ancora crede nei valori, per chi è contaminato dalla forza della passione, dal valore dell’onestà, dalla fede e dall’onore”.

LA CAMERA ARDENTE
Domani, giovedi 25 aprile, dalle ore 11 alle ore 20, sarà possibile rendere onore allo scomparso presidente de “La Destra” nella sala della protomoteca in Campidoglio, dove Buontempo fu consigliere per sedici anni, oltre che presidente dell’assemblea.

IL FUNERALE
Il suo popolo tributerà l’omaggio terreno a Teodoro Buontempo venerdì 26 aprile, alle ore 11.
Il rito religioso sarà celebrato nella chiesa di San Marco, nella omonima piazza romana e sarà officiato da don Walter Trovato.

IL MESSAGGIO DI CORDOGLIO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA NAPOLITANO
Il Presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano, appresa la notizia della scomparsa di Teodoro Buontempo, ha inviato alla famiglia un messaggio di sincero cordoglio: ”Egli rimase sempre coerentemente legato alle idee abbracciate nel periodo della sua formazione e manifesto’ un forte attaccamento alla istituzione parlamentare assicurando la sua costante e appassionata partecipazione ai lavori della Camera dei Deputati. Ricordo in particolare la feconda collaborazione che si stabili’ tra noi nell’ambito della Fondazione della Camera dei Deputati e il lungo e fattivo impegno svolto nell’amministrazione comunale di Roma, contraddistinto dalla ricerca di un rapporto costante con i bisogni e le aspettative dei cittadini”.

APPELLO AL NUOVO ASSESSORE ALLA CASA DELLA REGIONE LAZIO

3 aprile 2013

                 Teodoro Buontempo

Nel lasciare l’incarico alle Politiche per la casa e Tutela dei consumatori in Regione Lazio voglio augurare buon lavoro al nuovo assessore.

Nella nostra regione l’emergenza abitativa sta assumendo dimensioni davvero preoccupanti e non sarà facile, se mancherà la volontà politica, trovare soluzioni in grado di porre un freno a un problema che interessa una parte sempre più significativa di popolazione.

Nel corso degli ultimi due anni e mezzo, comunque, il mio Assessorato ha messo in campo strumenti importanti come ad esempio il Mutuo sociale e il Fondo di Garanzia, con l’obiettivo di migliorare l’accesso al credito da parte delle famiglie e facilitare giovani coppie, anziani e disabili nell’acquisto della prima abitazione.
Con le Ater, inoltre, è stata avviata una politica di rinnovamento e di intervento sul territorio che la nuova Giunta avrà il compito di proseguire e ampliare.

Siamo intervenuti non solo sul fronte dell’edilizia popolare, ma anche per dare prospettive e soluzioni a quei ceti medi che diventano sempre più poveri. Ricordo, inoltre, l’inchiesta condotta sulle cooperative edilizie, alla quale ha fatto seguito la pubblicazione sul sito internet dell’Assessorato dei dati relativi ai finanziamenti pubblici che erano rimasti inattivi dal 2004.

Abbiamo fatto di tutto, poi, per rimettere in gioco i 260 milioni di euro di fondi ex Gescal che, con procedure assolutamente improprie, la Cassa Depositi e Prestiti e il Governo hanno continuato a trattenere a danno esclusivo dei cittadini.
Questo finanziamento, con un Piano triennale già depositato in Giunta, avrebbe rimesso in moto l’intera attività delle Ater del Lazio. Invece abbiamo lavorato due anni per poi sentirci confermare il “sequestro” di queste risorse, sulle quali la Cassa Depositi e Prestiti non paga un solo euro di interessi. Lascio quindi con rammarico l’incarico, prima di portare a conclusione un programma di interventi puntuale, preciso e di immediata cantierabilità.

Mi auguro, tuttavia, che i cittadini abbiano potuto apprezzare l’impegno che il mio Assessorato ha dedicato a una piaga sociale di così vaste proporzioni. Solo a Roma tra sfratti, occupazioni abusive e morosità, senza considerare il nodo irrisolto della dismissione degli immobili degli enti previdenziali, l’emergenza casa ha ormai assunto il carattere del dramma.

Al nuovo assessore, oltre al mio personale saluto, rivolgo anche l’appello a dar seguito al lavoro che ho svolto fino ad oggi, considerando le esigenze dei cittadini e l’emergenza abitativa assolute priorità per una politica che non può più permettersi di fare soltanto chiacchiere.

BUONO CASA 2010, FUNARI DISINFORMATA

22 febbraio 2013

                         tbuontempo

Mi dispiace che l’assessore alle Politiche per la casa di Roma Capitale, Lucia Funari, ignori o faccia finta di ignorare che la graduatoria definitiva, quella cioè utile alla liquidazione del sostegno alla locazione, il cosiddetto ‘buono casa’, per l’anno 2010, è stata pubblicata soltanto il 23 gennaio scorso.
La graduatoria inviataci dall’amministrazione comunale a ottobre era risultata incompleta e pertanto non valida, presentava delle criticità che sono state evidenziate dalla direzione regionale del mio Assessorato e quindi trasmesse a Roma Capitale, che ne ha preso atto, pervenendo infine, tardivamente, alla stesura definitiva della graduatoria stessa, senza la quale il pagamento avrebbe rappresentato una palese illegalità.
Nel giro di dieci giorni la Regione Lazio ha sbloccato la situazione. Gli uffici comunali, quindi, sono pregati di non fornire informazioni errate ai cittadini, dicendo che la Regione non ha ancora effettuato l’erogazione del buono. Nonostante la disinformazione comunale, comunque, la Ragioneria regionale ci ha confermato che ‘in data 12 febbraio 2013 si è provveduto ad erogare al Comune di Roma l’intera quota prevista per il contributo alla locazione 2010’.
La Funari, evidentemente, segue poco il suo assessorato. Le raccontano cose non vere e lei, senza approfondire più di tanto, scrive un comunicato stampa e addirittura fa un bando pubblico, pur essendo a conoscenza che non ci sono coperture finanziarie. La situazione è assolutamente inquietante.
La Funari, comunque, era a conoscenza del fatto che la Regione non aveva ricevuto la graduatoria definitiva, pertanto spieghi lei, piuttosto, perché per metterla in regola da ottobre ha dovuto attendere il mese di gennaio. Funari disinformata sia più responsabile.

VOTO A “LA DESTRA” E’ CONTINUITA’ IDEALE E COERENZA POLITICA

22 febbraio 2013

           la-destra

“La Destra” si candida per rappresentare i cittadini e tutelare i loro diritti, per sviluppare politiche sociali di cui oggi l’Italia ha più bisogno che mai. Chi vota “La Destra” vota una continuità ideale e una coerenza politica che sono essenziali per credere nel futuro in un contesto di vera democrazia.
La Destra è un punto di riferimento certo per gli elettori che si riconoscono nello schieramento opposto a Bersani e Monti. Noi ci contraddistinguiamo per la nostra coerenza, non siamo come altri che prima incassano l’apparentamento e poi criticano il Pdl. “La Destra” mantiene la sua forte componente sociale tradita ormai da una sinistra radical chic e vicina alle banche.
Bisogna essere chiari e far capire ai cittadini che lottare come fa “La Destra” contro le ingiustizie, i soprusi e le caste di ogni tipo significa schierarsi dalla loro parte, per rivendicare i loro diritti, la casa, l’acqua, i trasporti, il verde, la sicurezza, il lavoro.
Dopo Monti, il commissariamento della politica, la sospensione della democrazia, il dominio della tecnocrazia, delle banche, dell’alta finanza, delle lobby, deve tornare la politica, la buona e sana politica, rigenerata e partecipata, dal basso, l’unica vera risposta all’anti-politica e alla demagogia. Gli italiani non hanno bisogno di professori, di comici, di venduti di ogni tipo, di giudici che si credono l’incarnazione religiosa del bene, né di una politica senza ideali e principi di riferimento. Bisogna cambiare, rinnovare nel profondo le radici di una politica concreta e ritrovare il bene comune, sconfiggendo la cultura degli interessi personali.
Non è unicamente un problema di facce, ma di teste, di esperienza, serietà, passione e onestà. Sono le idee a valere, che non sono nulla senza coerenza, cuore e sacrificio. E il programma de “La Destra” è fatto di idee e proposte serie per sviluppare il lavoro, sostenere le imprese, incentivare i giovani, aiutare gli anziani e i disabili.

GRILLO CAVALCA PROTESTA MA SENZA PROPOSTE

22 febbraio 2013

             grillo

La protesta, da chiunque espressa secondo i canoni della non violenza e del rispetto della democrazia, non deve essere criminalizzata, perché rappresenta comunque una legittima reazione alla resa di fronte ai poteri forti e alla partitocrazia.
Per la politica la protesta è una ricchezza e consente a migliaia e migliaia di cittadini di partecipare a una nuova fase di alternativa al sistema e di ricostruzione della comunità nazionale. Grillo oggi raccoglie questa protesta senza riuscire a mettere in campo una proposta per il futuro del Paese e senza definire regole e principi ai quali si dovrebbero attenere i loro eventuali eletti. Semmai, sono gli altri partiti che si devono chiedere come mai non riescono più a interpretare quella voglia di cambiamento, di moralizzazione della vita politica e di certezza e speranza per il futuro che viene dagli italiani e, in particolare, dalle nuove generazioni.
Ricordo che nel 1993 per una manifestazione organizzata con i giovani del Fronte della Gioventù, che avevano circondato Montecitorio indossando una maglietta con la scritta ‘arrendetevi, siete circondati’, sono stato indagato e ho rischiato un rinvio a giudizio per gravi reati, nonostante in quella occasione non ci fossero stati incidenti. Anche allora, più di adesso, i partiti reagirono come se il nemico fosse alle porte e si svolse alla Camera un ridicolo dibattito per una semplice manifestazione giovanile, con la quale si diceva basta al degrado della politica e alla impresentabilità di molti candidati.
Il pericolo per la democrazia non viene da manifestazioni popolari ma da coloro che pensano che si possa governare un Paese a prescindere dal consenso dei cittadini e che vorrebbero ridurre alla disperazione un’intera nazione pur di salvaguardare gli interessi delle banche, dell’alta finanza e di quel capitalismo internazionale che ha prodotto solo povertà e disuguaglianza.

Venerdì 22 febbraio, tour elettorale in Veneto

21 febbraio 2013

Venerdì 22 febbraio sarò in Veneto per alcuni appuntamenti elettorali.
Questo il programma:
- ore 12 Rovigo – Conferenza stampa;
- ore 13,30 Rovigo – Incontro conviviale;
- ore 15,30 Montecchio Maggiore – Incontro con gli operai in cassa integrazione e a rischio fallimento delle aziende di zona (Ceccato –Macchine lavaggio automezzi);
- ore 18 San Donà di Piave – Incontro con le associazioni di volontariato e la Croce Rossa Veneto Orientale;
- ore 19 San Donà di Piave – Incontro pubblico presso l’Hotel Continental.

Giovedì 21 febbraio, appuntamenti in Emilia Romagna

20 febbraio 2013

Giovedì 21 febbraio sarò in Emilia Romagna.
Questi gli appuntamenti in programma:
- Ore 15 Intervista presso la sede regionale Rai;
Ore 16 Intervista presso la sede della emittente televisiva regionale è, tv;
Ore 17 Intervista presso la sede del quotidiano nazionale Il Resto del Carlino;
Ore 18,30 Visita alla sede del gruppo Galotti spa (www.galotti.it) con il dirigente ing. Vincenzo Abenante.

Giovedì 21 febbraio, Radio Luiss, diretta ore 9,45

20 febbraio 2013

Giovedì 21 febbraio, sarò in diretta dagli studi di Radio Luiss. A partire dalle ore 9,45.

RITORNARE A UNA DESTRA AUTENTICA

20 febbraio 2013

       bandiera la destra

Oggi ho visitato la Puglia per una serie di appuntamenti elettorali per la presentazione dei candidati pugliesi de “La Destra” alle prossime elezioni.

Non hanno alcuna credibilità coloro che oggi solo per interessi elettorali riscoprono l’identità politica e le radici culturali della destra di origine missina.
L’Italia, semmai, ha bisogno di una destra autentica, di quella destra che non si è mai vergognata della propria storia e che con i fatti ha sempre dimostrato un concreto impegno sociale, moralizzazione nella pubblica amministrazione e continuità ideale, dando così una speranza a quegli italiani che non credono nella partitocrazia e che ritengono che la coerenza in politica sia un valore positivo. Le proposte di riforme costituzionali e le iniziative sociali inseriti nel nostro programma elettorale e una politica rivolta al bene comune e non agli interessi di parte sono oggi un’esigenza ricercata anche da chi, pur avendo avuto esperienze e appartenenze politiche diverse, si dà da fare nel tentativo di rigenerare la buona politica.
Le risorse della Puglia, dal turismo all’agricoltura, dalla zootecnia all’artigianato fino alle piccole e medie imprese meritano una classe politica dirigente migliore di quella scesa in campo negli ultimi anni. Gli uomini appartenenti alla storia missina hanno amato sul serio la Puglia e sono stati capaci di far approvare dal Parlamento opere pubbliche e servizi più moderni, rendendo così possibile oggi una regione non piegata su se stessa ma proiettata verso traguardi importanti.

FINI? INAFFIDABILE CHI ABBANDONA PROPRIE IDEE

20 febbraio 2013

                            tbuontempo

Fini in contemporanea con me a Perugia? E’ un problema suo e di chi lo va ad ascoltare, noi abbiamo gia’ dato.
Quando una persona abbandona le sue idee per approdare nel vuoto di questa non ci si puo’ di certo piu’ fidare, mentre chi vota La Destra vota una continuita’ ideale e una coerenza politica.
Oltre che di Fini e Fli, nel corso del mio tour elettorale in Umbria ho parlato anche del partito Fratelli d’Italia.
Stiamo vedendo questi fratellastri d’Italia, composti da ex ministri e ex sottosegretari che hanno ballato finora, chiudendo prima l’Msi poi facendo finire anche l’esperienza di Alleanza nazionale e che infine sono confluiti nel Pdl senza essere capaci di rappresentare la questione sociale tipica del nostro mondo.

MONTI DOVRA’ DIMETTERSI DA SENATORE A VITA

20 febbraio 2013

buontempo-la-destra

A PROPOSITO DI MONTI…
Incontrando i cittadini di Atri (Teramo), Pescara e Bucchianico (Chieti) sono stato molto chiaro sull’attuale premier: li ho invitati ad accentuare la battaglia contro Monti, anche dopo l’esito elettorale.
Per chi scende nell’agone politico con un tale cinismo e cattiveria d’animo, rimangiandosi tutti gli impegni presi quando gli fu dato mandato per essere super partes, non possono esserci attenuanti. Monti si dovra’ dimettere da senatore a vita e se non lo fara’ ci dovra’ essere un movimento popolare capace di rendergli difficile rappresentare la nazione senza il voto dei cittadini.

A PROPOSITO DELLE BANCHE…
Dopo le elezioni, la classe politica italiana non dovra’ perdere neppure un attimo per ridisegnare l’intero sistema bancario e non dovranno essere piu’ dati denari agli istituti di credito in crisi senza che lo Stato ne diventi azionista al fine di garantire la funzione di sostegno all’economia, alle imprese e alle famiglie.

“LA DESTRA” PUNTO DI RIFERIMENTO COERENTE

20 febbraio 2013

       buontempo

A Cagliari e Sassari ho partecipato ad alcuni incontri elettorali insieme al segretario regionale de “La Destra” Antonio Piu, a quello provinciale di Cagliari Daniele Caruso (entrambi candidati alla Camera), al capolista al Senato Danilo Preto, al segretario provinciale di Sassari Paola Rais, al candidato al Senato Marco Caracciolo e al responsabile provinciale di Gioventù Italiana e candidato alla Camera Gavino Bitti.
Di seguito i lanci dell’Agenzia Ansa.

LAVORO: TROPPA CIG E INCENTIVI A PIOGGIA
APPELLO AI GIOVANI, NON RINUNCIATE ALLA POLITICA
“L’emergenza lavoro non si risolve con la cassa integrazione o con gli incentivi alle imprese che poi non indicano come e quanta occupazione creeranno nel territorio. In questo clima di incertezza occorrerebbe pensare agli oneri sociali dei ragazzi nelle parentesi tra un lavoro e l’altro.
Rischiamo di trovarci piu’ avanti con un gravissimo problema, quando le attuali nuove generazioni diventeranno terza eta’. Ai giovani dico di non rinunciare alla politica: li vogliono depressi e isolati, non sopportano quando sono orgogliosi e critici.

“LA DESTRA” PUNTO RIFERIMENTO COERENTE
FORTE COMPONENTE SOCIALE TRADITA DA SINISTRA RADICAL CHIC
“La Destra” punto di riferimento per gli elettori che si riconoscono nello schieramento opposto a Bersani e Monti. Noi ci contraddistinguiamo per la nostra coerenza. Non siamo come altri che prima incassano l’apparentamento e poi criticano il Pdl. E manteniamo la nostra forte componente sociale tradita ormai da una sinistra radical chic e vicina alle banche.

CONTRO IMU E PATTI CON MONTI
NOI UNICA FORZA VERAMENTE NAZIONALE
Siamo contrari all’Imu, non accetteremo mai nessun patto con Monti. Siamo l’unica forza veramente nazionale e faccio riferimento, in questo caso, alla vicenda dei marinai italiani arrestati in India. In quella disavventura si è sentito il peso dell’assenza del governo Monti nello scacchiere internazionale: maro’ dimenticati e senza che sia stato fatto molto per riportarli in Italia.

Mercoledì 20 febbraio, tour elettorale in Puglia

19 febbraio 2013

Mercoledì 20 febbraio sarò in Puglia per un tour elettorale.
Questo il programma:
- Ore 11,30 Bari – Conferenza stampa presso la Segreteria Provinciale de “La Destra”;
- Ore 13 Bari – Incontro con i Panificatori Fiera del Levante;
- Ore 14 Bari – Incontro conviviale;
- Ore 17 Lecce – Conferenza stampa.

Martedì 19 febbraio, incontri elettorali in Umbria

18 febbraio 2013

           On. Buontempo

 

 

Martedì 19 febbraio sarò in Umbria per partecipare a una serie di appuntamenti elettorali sul tema “Le battaglie de ‘La Destra’ nel centrodestra per lavoro, sociale, legalità e preferenza nazionale”. Saranno presenti i candidati umbri alla Camera e al Senato e il segretario regionale de “La Destra” Stefania Verruso, candidata alla Camera.
Questo il programma:

- Ore 11,30 Perugia - Incontro pubblico presso  l’Etruscan Chochotel, via Campo di Marte 134;
- Ore 13,30 Passignano sul Trasimeno - Incontro conviviale con militanti e simpatizzanti de “La Destra”, presso il Ristorante “Il Fischio del Merlo”;
- Ore 17 Marsciano - Incontro con la cittadinanza presso il Bar Centrale, Largo Goldoni (di fronte al Teatro Concordia);
- Ore 18,30 Terni - Incontro con la cittadinanza presso l’Hotel de Paris, viale della Stazione;
- Ore 19,30 Amelia – Incontro conviviale presso il Ristorante “La Misticanza”, via Rimembranza 4.

Lunedì 18 febbraio, dalle ore 20,30 “Il Punto di Marino Spada” su Rete Italia, canale Sky 835 e Dgt 131

18 febbraio 2013

                  bt

La politica, i partiti, le prossime consultazioni elettorali, i programmi per far rinascere il nostro Paese dalla crisi, le iniziative sul territorio. Ma anche de “La Destra” e della mia candidatura alla Camera dei Deputati, capolista in Lazio 1 e Lazio 2 e secondo in Abruzzo, Umbria, Marche, Basilicata, Campania, Calabria, Liguria, Puglia, Sardegna e Veneto.
Di questi e altri argomenti parlerò questa sera su Rete Italia nel corso della trasmissione “IL PUNTO di Marino Spada”, in onda a partire dalle ore 20,30. Con me in studio ci sarà Roberto Natale, capolista Sel al Senato in Abruzzo e Umbria.
La puntata sarà trasmessa in replica questa notte alle ore 1 e domani, martedì 19 febbraio, alle ore 7 su Rete Italia e AB Channel (Sky canale 835, Digitale Terrestre Nazionale canale 131, solo per l’Abruzzo canale 195).

Domenica 17 febbraio, tappa elettorale in Sardegna

17 febbraio 2013

Domenica 17 febbraio tappa elettorale in Sardegna.
Questo il programma:
Ore 11 Cagliari – Incontro elettorale in via San Lucifero 65 (primo piano), alla presenza del segretario regionale e di quello provinciale de “La Destra”, Antonio Piu e Daniele Caruso, entrambi candidati alla Camera e del capolista al Senato Danilo Preto;
Ore 18,30 Sassari – Incontro pubblico presso l’Hotel “Leonardo Da Vinci”, via Roma 79. Parteciperanno, oltre a Piu e Preto, anche il segretario provinciale di Sassari Paola Rais, il candidato al Senato Marco Caracciolo e il responsabile provinciale di Gioventù Italiana e candidato alla Camera Gavino Bitti;
Ore 20,30 Sassari – Incontro conviviale con dirigenti, candidati e simpatizzanti de “La Destra”, in via Roma.

Roma, PalAtlantico, 16 febbraio, “L’ITALIA S’E’ DESTRA”

15 febbraio 2013

                   la destra

Sabato 16 febbraio partecipo alla manifestazione “L’Italia s’è destra. Ora credici”, in programma a Roma, presso il PalAtlantico, in via dell’Oceano Atlantico 271, con inizio alle ore 16.

LA DESTRA PENSA ALLE IDEE, GLI ALTRI ALLE POLTRONE

15 febbraio 2013

      b.t.

Ieri ho partecipato a Torino, presso la sala del Consiglio comunale, a un incontro pubblico alla presenza dei segretari regionale e provinciale de “La Destra”, Giuseppe Lonero e Aldo Rovito

Coloro che ballando e cantando hanno partecipato alla chiusura del Msi e furono euforici alla scomparsa di An, e che dentro il Pdl sono rimasti silenti occupando importanti poltrone istituzionali e governative, partecipando sempre alla “divisione della torta”, oggi non hanno titolo per parlare di identità e di autonomia.
Gli elettori sappiano distinguere tra coloro che utilizzano tutti gli espedienti pur di accaparrarsi posti in campagna elettorale e coloro che, in nome delle idee, dei principi e della propria storia hanno sempre privilegiato una battaglia fatta di contenuti per il futuro del nostro Paese e della nostra comunità, sia fuori che dentro la coalizione.
Nel 2008, quando ci volevano imporre una presenza personale non politica nelle liste del partito unico, noi dicemmo di no. Oggi ci battiamo per la vittoria del centrodestra con il nostro simbolo, le nostre bandiere e le nostre idee e anche in questo siamo diversi da altri che prima hanno incassato “l’apparentamento” con Berlusconi e poi danneggiano la coalizione con dichiarazioni solo tese a una propria personale visibilità.

serverstudio web marketing e design